The Leftovers 2 – La miglior serie del 2015

Che Damon Lindelof sia uno che abbia sempre esagerato, penso che sia risaputo, soprattutto dopo il finale di Lost che ha scatenato reazioni negative da parte dei fan della serie da ogni dove (non da parte mia che l’ho adorato follemente). E, infatti, solo uno come lui poteva scrivere una serie TV come The Leftovers, che diciamocelo francamente, è una serie che se sbatte di tutto e di tutti.

Era così già nella prima stagione con quel tempo scandito in maniera talmente dilatato all’inverosimile che ai più poteva essere considerata una serie TV noiosa, e con quell’evento così grande che però è lasciato lì, in “sala d’attesa”, dichiarando in pratica ad ogni spettatore: “Cosa c’è? Volete anche sapere perché questi qui sono spariti? Mi prendete per il culo, vero?”.
Infatti, la prima stagione di The Leftovers si basava tutto su questo giochino appena citato, sull’avere un evento gigantesco e sul volerlo lasciar lì sullo sfondo. Oltre a questo bisogna dire che le varie storyline dei personaggi erano raccontate in maniera stilizzate senza entrare effettivamente nel vivo. A parte qualche evento, tutto quello che sapevamo di loro, era la loro rabbia, delusione e tristezza. Punto. Insomma un approccio molto ostico e davvero troppo elusivo che non mi ha fatto mai apprezzare la prima stagione a pieno, riconoscendo, comunque, un potenziale che nessun’altra serie di questo genere aveva.
Ed è proprio per questo IMMENSO potenziale che decido di darle una seconda opportunità rimandando il giudizio alla stagione successiva.
La seconda stagione arriva e si porta via tutto da me. Teoricamente potrei anche chiudere qui quest’articolo ma non lo farò perché non me ne sbatto di tutto come The Leftovers.
Come dicevamo, questa serie se ne sbatte di tutto ed è per questo suo modo di essere che decide di stravolgere tutto, e spiazza tutti con un cambio di passo, estremizzando tutto. Cambio di scenografia (non più Mapleton, ma Jarden/Miracle) ma soprattutto il modo in cui vengono raccontate le varie storie dei personaggi. La dipartita del 2% della popolazione è rilegata ulteriormente come sfondo e le storyline dei personaggi diventano il vero cuore della serie. E non più come un vago sguardo da lontano ma come un’immersione totale che toglie il fiato a ogni scena, e che ti distoglie completamente dalla dipartita e non perché non se ne parli, ma perché non te ne frega nulla. Quello che allo spettatore interessa in questa stagione sono i personaggi e le loro storie, scritte e, soprattutto, raccontate in maniera sublime.
E’ bastato pazientare una stagione per veder affiorare tutto quel potenziale che si era solo intravisto in precedenza. Qui Lindelof non è stato solo capace di metter in piedi un racconto in maniera perfetta, ha fatto di più: è riuscito a prendere l’ambizione teologica/filosofica del finale di Lost e di espanderla. In The Leftovers, Lindelof ha dimostrato a tutti che ha due palle che gli fumano scrivendo una serie TV che molto probabilmente non sarà una di quelle serie mainstream, ma una di quelle perle che pochi conosceranno e che saranno gli unici ad apprezzarla a pieno.
(Vi lascio con due pezzi che compongono la colonna sonora di questa stagione, l’ennesimo punto forte di questa serie).
Annunci

Informazioni su Giovanni Berardi

Interista dalla nascita, grandissimo appassionato di Cinema, Musica e Serie TV.
Questa voce è stata pubblicata in Drama, Mystery, Serie TV. Contrassegna il permalink.

2 risposte a The Leftovers 2 – La miglior serie del 2015

  1. Pingback: "Source Code" di Duncan Jones | The Manager Experience

  2. Pingback: "Another Earth" di Mike Cahill | The Manager Experience

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...