“La La Land” di Damien Chazelle

la-la-land

Ci avviciniamo agli Oscars 2017 e non potevo esimermi dal parlare del film più chiacchierato e discusso del momento.
Stiamo parlando di una pellicola che ha vinto di tutto e di più ai Globes di quest’anno, e che si affaccia alla kermesse più importante, e mainstream, del Cinema mondiale con ben 14 nominations pregustando già moltissime premiazioni.

Ladies and Gentlemen, per la regia di Damien Chazelle, “La La Land”.

la-la-land_1

Damien Chazelle, 32enne di Providence, dopo aver impressionato il mondo qualche anno fa, da vero “underdog”, con il suo “Whiplash”, ritorna quest’anno da vero e proprio cavallo di razza con un musical dirompente ma allo stesso tempo incredibilmente delicato e fine.

“La La Land” è un musical, molto probabilmente quello definitivo, ma anche e soprattutto molto di più. “La La Land” è una dichiarazione d’amore nei confronti della musica, del teatro, del cinema, dell’arte e dell’amore stesso. Nella messinscena  di ogni singolo movimento di macchina, inquadratura, personaggio c’è una luce particolarmente vivida e splendente che rende questa pellicola qualcosa di profondamente intima come una preziosissima bambola di porcellana pur regalando allo spettatore una storia dall’ampio respiro.

Una storia d’amore incredibilmente vicina ad ognuno di noi grazie a quella meravigliosa umanità presente nei due protagonisti. Mia e Sebastian non sono semplicemente due personaggi di un film, ma sono due persone vere, vive, spontanee come ogni persona comune in questo mondo. Il loro amore è esattamente così: incredibilmente vero e mai forzatamente sdolcinato, abbandonando quell’orribile rischio di stucchevolezza esagerata.
Un amore perfetto grazie alla loro imperfezione. Due persone che sapevano completarsi a meraviglia ma che nonostante provino in tutti i modi, con i loro personali buoni propositi, a stare insieme, non ci riusciranno mai in maniera definitiva, arrivando a dirsi addio in quel silenzioso, ma al contempo assordante, campo-controcampo finale dal sapore finemente agrodolce.
Purtroppo, la vita è così: non sempre ciò che si vuole in quel preciso istante è quello di cui abbiamo realmente bisogno o che ci fa stare bene veramente.

la-la-land_2

Una scrittura ineccepibile a livello di personaggi con degli interpreti magistrali. Emma Stone da Oscar a mani bassissime e un ottimo Ryan Gosling (lodevole il suo impegno ad imparare a suonare il piano nel giro di soli tre mesi) formano una coppia eterogenea piena di sogni e passioni, diretti da una regia incredibile e stilisticamente bellissima con questi richiami al classico e, al tempo stesso, al post-moderno ricamando, in questo modo, un lavoro di citazioni pazzesco (i rimandi a “New York, New York” e “Singin’ in the Rain” sono lapalissiani). Il piano-sequenza iniziale, di difficilissima esecuzione, che fa entrare immediatamente lo spettatore nel mood del film è tecnicamente perfetto e concettualmente azzeccato come la messinscena di ogni singolo colore, luce, costume e set usato è perfettamente contestualizzato alla situazione che i due protagonisti stanno vivendo in quel preciso momento della loro vita.

Il risultato non può essere altro che un film monumentale a livello emotivo. La facilità con cui si riesce ad empatizzare con i due protagonisti, grazie alla loro tangibile realtà e veridicità, lascia sbigottito lo spettatore che viene accompagnato, in questo universo fuori dal tempo, mano nella mano dal technicolor, dal cinemascope e da questo motivetto talmente delicato e semplice da entrare dritto in testa e, specialmente, nelle zone più profonde del cuore.

la-la-land_3

Le emozioni e le favolose sensazioni che regala questa meraviglia audio-visiva sono impossibili da raccontare a parole. La bellezza che risplende in questa pellicola è percepibile in ogni singolo fotogramma, in ogni singola nota e in ogni singolo sguardo dei due protagonisti.

GRAZIE Damien, GRAZIE Ryan, GRAZIE Emma per aver regalato al mondo una perla unica e decisamente rara.

Annunci

Informazioni su Giovanni Berardi

Interista dalla nascita, grandissimo appassionato di Cinema, Musica e Serie TV.
Questa voce è stata pubblicata in Comedy, Drama, Musical. Contrassegna il permalink.

2 risposte a “La La Land” di Damien Chazelle

  1. Pingback: Oscars 2017 – I vincitori dell’89ª edizione | The Manager Experience

  2. Pingback: Festival Venezia 2016 – I vincitori della 73esima edizione | The Manager Experience

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...